Iscritto a chi?

th
Il Partito Democratico oggi ha 366.641 iscritti manca all’appello solo la Sardegna che chiude il tesseramento 2014 nel 2015, fatto strano. Nel 2013 raccoglieva 539.354 e nel 2012 500.163. Solo 6 anni fa, nel 2009, il partito annuncia 831.042 iscritti. Il Partito Comunista tra il 1946 e il 1956 contava oltre 2 milioni di iscritti, la Democrazia si attestava su il milione di tesserati.
Chiaro che c’è poco da gioire perché abbiamo perso in un anno quasi 150.000 iscritti però penso anche che parlare di iscritti in termini assoluti ha poco senso, altri devono essere i ragionamenti per il PD. Sarebbe interessante sapere quante sono le nuove tessere e quanti i rinnovi (e perché nel caso non hanno rinnovato la tessera), quanti circoli abbiamo veramente attivi sul territorio e cosa fanno e soprattutto come meglio mettere in rete queste esperienze. Gli iscritti servono solo per organizzare primarie, portare voti agli amministratori e per i conteggi con la FIOM o ha un altro valore l’affiliazione alla comunità democratica?
Secondo me la domanda è come coinvolgere questi iscritti. Bisogna darsi un metodo di lavoro che per me è quello che dai territori va a Roma alla sede di Sant’Andrea delle Fratte e a Palazzo Chigi.