GIULIANO QUAIOTTI – Ci metto FACCIA, COERENZA e IMPEGNO!

Ciao , mi chiamo QUAIOTTI GIULIANO ho 52 anni sono sposato con Sandra e abbiamo una figlia , Elena.

Sono un operaio metalmeccanico da 36 anni, dipendente di una azienda artigiana da 19.

Le mie passioni sono il podismo (ho corso e finito 14 maratone), il calcio (praticato , insegnato e da tifoso della Reggiana), la lettura (leggo almeno 30 pagine di libro al giorno) e l’impegno sociale .

Sono tra gli organizzatori della maratona di Reggio Emilia , e presidente del centro sociale Tasselli di Roncocesi.

Ho deciso di candidarmi per il consiglio comunale di Reggio Emilia e ci metto FACCIA COERENZA IMPEGNO

Per valorizzare sempre più: la COMUNITÀ, la PARTECIPAZIONE e il TERRITORIO.


Se vuoi aiutarci ad entrare in Consiglio Comunale il 26 Maggio sulla scheda barra il simbolo del PD e scrivi di fianco “Quaiotti” e “Perlini”.

VUOI DARMI UNA MANO?

  • Leggi, stampa e fai vedere il programma  ad amici, parenti e colleghi.
  • Iscriviti al gruppo whatsapp VOTA FORTISSMO per rimanere aggiornato e partecipare alleiniziative e banchetti.
  • Segui e condivi i temi della campagna su facebook.
  • Ci prendiamo un caffè insieme? ☕ A me farebbe davvero piacere conoscerti, sapere i tuoi bisogno e idee per la città. Scrivimi a
     quaiottigiuliano@gmail.com                            
  • Fai una piccola donazione di 1, 2 o 5€ per sostenere i costi della campagna su paypal.
  • Portami a conoscere le persone del tuo palazzo e del tuo quartiere, facciamo insieme e senza paura del sano porta a porta!
  • Organizza un aperitivo o una cena dove mi fai conoscere amici e parenti. Il vino e il dolce lo porto io!
  • Il 26 Maggio sulla scheda barra il simbolo del PD e scrivi “Quaiotti” e “Perlini”, ci aiuterai ad entrare in consiglio comunale!
Sempre in corsa! Mi occuperò di sport per la mia città

LA COMUNITA’ 

Da sempre sono portato a far incontrare le persone tra di loro creando momenti di socialità. Farle conoscere, collaborare e aiutare a vicenda.
Io credo nella comunità come strumento che aumenta la qualità della vita dei cittadini.  La comunità ci fa sentire meno soli, ci fa essere più consapevoli dei nostri mezzi e ci aiuta a  valorizzare le nostre qualità. Ci fa sentire più protetti, più sicuri in mezzo agli altri. La comunità ci predispone a partecipare più attivamente all’organizzazione e alla salvaguardia della vita e dei luoghi in comune.

LA PARTECIPAZIONE

Riorganizziamo la partecipazione. In questi mesi sto cercando  di assicurare un futuro ad un piccolo centro sociale che un futuro rischiava di non averlo. Questo mio impegno è ostacolato dalla crisi del senso di comunità (dovuta a vari fattori: una crisi economica che anche a queste latitudini ha lasciato segni profondi, la composizione della società sempre meno omogenea, l’abolizione delle circoscrizioni che ha lasciato le persone più sole) e dalla burocrazia che, spesso in nome della sicurezza, rende difficilissimo il lavoro a chi vuole organizzare momenti di socialità.

Tutto questo, se non governato a dovere, ci porterà alla perdita completa del senso di comunità, e al chiuderci sempre più in noi stessi e nelle nostre case con tutti i danni che anche in questi tempi stiamo sperimentando.

Dobbiamo Valorizzare i centri sociali come luogo di partecipazione di scambio tra cittadini e amministrazione. La libertà è partecipazione.

IL TERRITORIO

Reggio è bellissima, ha monumenti, piazze, parchi, luoghi che tutti ci invidiano. Bisogna prendersene cura. Questo a maggior ragione nelle periferie. Piste ciclabili, parchi pubblici, strade vanno sì costruite ma poi curate nel tempo.

Il mio Impegno sarà quello che tutto il patrimonio di luoghi e infrastrutture pubblici siano preservati al meglio nel tempo e che così permettano una più piena socialità e una mobilita sempre più alternativa e ecologica . Questo in particolar modo nella zona dove abito, lavoro, vivo ( Roncocesi, San Prospero, Sesso) nell’area nord della città , sono la porta di ingresso a Reggio non dovrebbe essere solo funzionale ma anche vivibile per chi ci abita .