In prefettura con Arcigay

arcigay prefettura

Stamattina sono andato con la delegazione di Arcigay Gioconda in Prefettura per chiedere dei gravi ritardi per l’ingresso nei progetti di accoglienza di due donne nigeriane che cercano di sfuggire alla tratta della prostituzione e dell’esclusione dai progetti di protezione umanitaria di un migrante gay nigeriano buttato fuori dall’appartamento in cui era ospitato in provincia assieme ad altri migranti a causa di presunte attività di cessione di droghe leggere a settembre 2017.

Non è accettabile che la richiesta di protezione per motivi umanitari di un ragazzo gay sia, all’atto pratico, resa impossibile in assenza di un giudizio di tribunale e in assenza di prove concrete. Il ragazzo è un volontario di Arcigay nelle attività di prevenzione dell’hiv e, per queste accuse, si trova nella situazione di non avere un posto dove stare, accedere ai corsi di italiano e di non poter procedere con la sua richiesta di asilo. Rischia quindi di essere quindi rimandato in Nigeria dove finirebbe in prigione per 18 anni per via del proprio orientamento sessuale. E’ altrettanto inconcepibile che due ragazze che sfuggono ai propri sfruttatori vengano tenute nel limbo per oltre due mesi, senza aiuto, rischiando di tornare sulla strada alla mercé dei propri sfruttatori, quando sappiamo che nel reggiano ci sono oltre trecento posti disponibili. Entrambe le decisioni sono di competenza del prefetto, cui spetta la tutela delle persone richiedenti asilo per motivi umanitari

LA BUONA NOTIZIA: la questura oggi pomeriggio ha chiamato l’avvocato: hanno anticipato l’appuntamento delle due ragazze al 4 luglio (dal 26 settembre), denunceranno la madame e le faranno entrare in un percorso di protezione (anche se con tempi lunghi).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *