17 gennaio - assemblea pubblica politiche giovani Reggio Emilia

Da tempo come Partito Democratico dobbiamo tornare a confrontarci con l’esterno, discutendo alla pari e senza timori con chi lo vorrà. Parlare tra di noi al sicuro nei circoli e una scelta di autoreferenzialità sbagliatissima.

Con il piccolissimo ma fortissimo circolo del PD del centro storico abbiamo voluto proporre tre assemblee pubbliche: una con i commercianti, una con i residenti e una con i giovani che bazzicano il Centro Storico. Cercheremo di superare le conflittualità classiche tra chi vive, chi lavora e chi frequenta il punto nevralgico e principale della Città di Reggio Emilia.

Giovedì 16 Gennaio vi aspettiamo al Mercure Hotel Astoria con due incontri: alle 18.00 con i commercianti e alle 20.45 con i residenti dell’esagono.

Il giorno dopo, Venerdì 17 Gennaio invece abbiamo pensato un incontro dedicato agli under 30 e agli operatori culturali che vivono, lavorano e investono tempo e soldi in Centro Storico e nella Città.  Ci troviamo alle ore 19.30 alla Brasserie Des Amis per parlare davanti a un bicchiere di birra (offerta dal PD, quando vi ricapita?).
Sarà possibile intervenire per 5 minuti tassativi a persona, consigliamo di essere chiari e evitare giri di parole.
Il moderatore della serata sarà lo storico, giornalista ma soprattutto amico, Andrea Montanari. Sarà steso un report degli interventi a cura di Graziana Bonvicini.
Saranno inoltre realizzati foto e video della serata. Tutto il materiale sarà reso pubblico e consultabile online. La diretta twitter e FB a sarà all’hashtag  #reggiogiovani 
Metodi nuovi (per il PD) e trasparenza totale insomma.

Tutti gli interventi serviranno alla stesura del programma del centrosinistra alle amministrative di Maggio 2014, puntiamo a definire 4 punti chiari per le politiche giovanili da inserire nel programma. Se ci sarà volontà da parte vostra, seguiranno altri incontri con cadenza mensile.

edilizia_scuola_nonsicure

Siamo ultimi tra i Paesi OCSE nei finanziamenti per scuola e università. Siamo al penultimo posto (davanti alla disastrata Grecia) nella spesa per l’istruzione: l’8,5% Pil con il 10,9% dell’Unione europea. Bisogna stare parecchio attenti perché a scuola si muore anche, è successo a Lecce proprio ieri ad Andrea, anni 17,  per un cartello di pericolo mancato e per una edilizia fatiscente.


Lo stato degli edifici scolastici italiani lo illustra bene il rapporto di Legambiente “Ecosistema scuola 2013″. Sotto la lente d’ingrandimento sono finiti 5.301 plessi che ospitano le scuole delle città capoluogo italiane: il 40% degli edifici scolastici italiani è privo del certificato di agibilità, mentre il 37,6% necessita di manutenzione. Il 60%, invece, è stato costruito prima del 1974. La panoramica negativa è completata dal 38,4% che si trova in aree a elevato rischio sismico e dal 60% che non ha il certificato di prevenzione incendi.

Bene invece l’Emilia Romagna che con quattro città tra le prime dieci in classifica,  guida la graduatoria sulla qualità  dell’edilizia scolastica e dei servizi. Reggio Emilia è al 5° posto della classifica generale e al 4° posto della classica delle “buone pratiche” (disponibilità del servizio di scuolabus, attivazione pedibus, biblioteche per ragazzi, finanziamenti per attività educative delle scuole e progetti rivolti agli under 14, sicurezza urbana nelle aree esterne agli edifici scolastici, mense scolastiche e pasti biologici, raccolta differenziata dei rifiuti nelle scuole, utilizzo di fonti d’illuminazione a basso consumo, fonti di energia rinnovabile negli edifici scolastici).

PDF-Logo “Ecosistema scuola 2013″, dossier Legambiente

 

PRONTI, PARTENZA, VIA!

Mi chiamo Dario e ho un progetto al quale intendo dedicare il tempo libero dai miei lavori precari e dallo studio si pone una scadenza a breve e una continuità nel lungo periodo.

Tra cinque mesi andremo a votare in 36 comuni del territorio, tra cui anche Reggio Emilia.
Vedo tutti troppo occupati a parlare di nomi e persone e poco a parlare di programmi, tra cinque mesi si vota. Ho intenzione di compiere un atto rivoluzionario mettendo  al centro le idee per i prossimi anni e tutto ciò ho intenzione di farlo con la massima condivisione e trasparenza possibile. Questo sito sarà la piattaforma sulla quale si costruirà un progetto di innovazione contenente  proposte e idee per la Città di Reggio Emilia, per il Partito Democratico e per il centrosinistra. Idee, proposte e riflessioni disponibili a tutti e comprensibili da tutti. Un collettore dove potrai porre la tua idea o il tuo problema, ti chiederò però anche di attivarti per proporre delle soluzioni. Se la tua istanza è valida la realizzeremo insieme.

Io non sono un tuttologo e non voglio esserlo, proprio per questo con me c’è una squadra di volontari (grazie Andrea, Santino, Adriano, Andrea, Antonio,…) a cui puoi partecipare anche tu, alla base di tutto c’è la condivisione.

La prima idea che ho intenzione di  sottoporre a voi e al comune di Reggio è una proposta di regolamento per promuovere l’arte di strada, in inglese busker. Le libere espressioni d’arte di strada sono un momento di aggregazione sociale della collettività, di integrazione tra le persone e i luoghi e di sviluppo del turismo culturale. Altra  considerazione:  i luoghi sono di chi li vive oltre di chi li abita, meglio avere spazi comuni frequentanti che abbandonati a loro stessi (penso in particolare al centro storico della città). Mi sono confrontato con associazioni e amici che esercitano questa forma di arte e sono andato a vedere dove in Italia siamo più progrediti sul tema.

Il Comune di Milano con la collaborazione della Federazione Nazionale Arte di Strada offre un servizio chiamato Strad@perta, attraverso il quale è possibile prenotare gratuitamente spazi della propria città in cui gli artisti possono esibirsi. Possiamo anche noi reggiani offrire a grandi e piccini una forma di intrattenimento a costo zero, che lascia spazio anche a forme d’arte “dal basso”. Ho ripreso e riadattato il regolamento per la nostra Città, qui potete leggerlo, scaricarlo e diffonderlo.

 

PDF-LogoARTISTI DI STRADA – proposta per Comune di Reggio Emilia

busker-des

1 65 66 67