Reggio Emilia con l’ANCI: educazione alla cittadinanza nelle scuole

Anche da Reggio Emilia ci attiviamo per supportare la raccolta firme e le adesioni per l’introduzione dello studio educazione alla cittadinanza come materia scolastica, attraverso una legge popolare promossa da ANCI, l’associazione dei comuni italiani. 
In Comune e nelle scuole comunali potrete firmare e richiedere i moduli per dare forza alla proposta popolare di legge, tutti siamo chiamati a fare la nostra parte per le nostre scuole e i nostri bambini.
LEGGI LA MOZIONE APPROVATA IN CONSIGLIO COMUNALE A REGGIO EMILIA 

PREMESSO CHE

Il 20 luglio 2018 è partita in tutta Italia la raccolta di firme alla legge di iniziativa popolare promossa dall’ANCI “per l’introduzione dell’insegnamento di educazione alla cittadinanza come materia con voto autonomo, nei curricula scolastici di ogni ordine e grado”.

CONSIDERATO CHE

Nel 1958 fu Aldo Moro a proporre l’inserimento dell’educazione civica nei curricula scolastici e da allora è stata sempre presente nei programmi di studio dei cicli di insegnamento ma soprattutto recentemente non con una dignità di materia di insegnamento ma come disciplina o argomento di studio degli ordinamenti scolastici, centrato sui temi della costituzione e della cittadinanza. Occorre fare di più restituendo centralità e simbologia a questa materia di insegnamento che racchiude in sè valori (tra i quali il valore della memoria storica e quello del vivere consociato), concetti e aspirazioni (pace, liberà, fratellanza ma anche felicità), percorsi di consapevolezza che vedono nell’uguaglianza e nel contrasto alle disparità (etnica, di genere, di religione, di capacità economica) pietre miliari di ciò che siamo stati, siamo e saremo.

Con questa proposta di legge si intende rafforzare e sostenere l’opera sino ad oggi realizzata dalla scuola e dagli insegnanti, introducendo come materia autonoma, con voto, l’insegnamento di educazione alla cittadinanza, nei curricula scolastici di ogni ordine e grado. L’obiettivo è rafforzare quanto già disposto dagli ordinamenti scolastici, come la conoscenza della Costituzione e dei principi giuridici fondamentali, andando ad approfondire il funzionamento delle istituzioni, nazionali ed europee, gli elementi fondamentali del diritto, in particolare del diritto del lavoro ma anche delle famiglie. Ed occorre ormai affrontare anche l’educazione all’ambiente, la lotta allo spreco alimentare, il risparmio sulle risorse non più rinnovabili non solo come elementi trasversali ma come insegnamenti puntuali e circostanziati.

La proposta di legge si pone l’obiettivo di lavorare alla formazione di “buoni cittadini” partendo dai banchi di scuola con lo studio della Costituzione, degli elementi di educazione civica, dello studio delle istituzioni dello stato e dell’Unione Europea, dei diritti umani, dell’educazione alla legalità, dell’educazione ambientale.

L’iniziativa non intende sminuire quanto già in opera negli ordinamenti scolastici ma esprime il sentire comune di tanti amministratori e cittadini che avvertono l’urgenza di operare per una maggior diffusione del senso di appartenenza alla comunità delle cittadine e dei cittadini italiani. La scuola pubblica italiana ha il compito di educare le giovani generazioni allo studio della storia del 20esimo secolo e dei principi fondanti dello stato democratico di diritto; allo stesso tempo, riconoscendo l’importanza delle nuove tecnologie, è necessaria l’acquisizione delle conoscenze basilari per un utilizzo critico e consapevole delle stesse. Supportare l’iniziativa promossa dall’Anci a sostegno della proposta di legge di iniziativa popolare è doveroso, sono necessarie almeno 50mila firme per presentare la proposta di legge in Parlamento.

RITENUTO CHE

L’educazione alla cittadinanza sia fondamentale per far crescere nelle nuove generazioni il senso di appartenenza alla comunità e lo sviluppo di competenze civiche;

Si allega a questa mozione il testo della proposta di legge, le slide di presentazione della proposta e il modulo di raccolta firme.

IL CONSIGLIO COMUNALE DI REGGIO EMILIA IMPEGNA IL SINDACO E LA GIUNTA

  • Ad attivarsi affinché il Comune di Reggio Emilia aderisca alla campagna di raccolta firme a sostegno della legge di iniziativa popolare per l’introduzione dell’insegnamento di educazione alla cittadinanza come materia con voto autonomo, nei curricula scolastici di ogni ordine e grado e ne promuova la sottoscrizione pubblicando l’informativa nella home page del sito istituzionale e mettendo i propri competenti uffici al servizio dei cittadini che vorranno sostenere la proposta di legge di iniziativa popolare.
  • Ad attivare il personale comunale nelle scuole di nostra pertinenza per presentare la proposta di legge ANCI agli operatori dei servizi scolastici e alle famiglie e autenticare le firme.

 

Reggio Emilia per la legge di iniziativa popolare ANCI per inserire l’educazione alla cittadinanza nelle scuole 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *