Archivio tag: Arte Musica & Cultura

Arte, musica, cultura, politiche per i giovani

Tempo di lettura 1 minuto

Inizia oggi la quinta edizone del contest per la musica emergente SputnikRock.

Dal 2011 abbiamo iniziato questo bel percorso virtuoso con le feste PD reggiane per poi radicarci e diventare un punto di riferimento per la musica anche a Modena e Bologna.
Le iscrizioni sono aperte da oggi 2 Giugno fino al 2 Agosto. Quest’anno le date saranno nelle feste di FestaReggio (RE), Festa Bosco Albergati (MO) e Festa Dell’ Unità Di Bologna. La finale sarà dagli amici del Circolo Kalinka di Carpi a Ottobre. Quest’anno iniziamo anche una bella collaborazione con la Gazzetta di Reggio per dare più voce al contest e alle band iscritte.
Invito tutti i musicisti di Reggio Emilia, dell’Emilia e d’Italia a iscriversi, vale davvero la pena!
Trovate il regolamento, tutte le informazioni e il form di iscrizione su www.sputnikrock.it

hRs8AZlup1DKmcsAj0UDTN1HzB7y4Zl9tU-z0HOwuSU

Tempo di lettura 1 minuto

Oggi sulla Gazzetta di Reggio parlo delle nuove povertà. Il dato di Save the Children è allarmante: in Emilia Romagna abbiamo 65.000 bambini che vivono in povertà assoluta, in Italia sono 1,4 milioni. Chiedo ai nuovi consiglieri regionali di attivarsi nel contrasto a tutte le povertà, prima che sulle opere chiedo di investire sulle persone.

Gazzetta di Reggio, 5 Gennaio 2015 Povertà Save the Children

Tempo di lettura 1 minuto

save the children

Il 17,7% degli abitanti dell’Emilia Romagna sono a rischio povertà.
Save the Children nel rapporto “Atlante dell’infanzia” scrive di 65 mila bambini e adolescenti nella nostra regione, il 9,5% del totale degli under 18, che vive in regime di povertà assoluta. Povertà non solo materiale ma anche culturale, 1 bambino su 3 ad esempio non ha letto un libro nell’anno.

L’Emilia Romagna è tra le più “ricche” di servizi e opportunità educative per bambini e adolescenti. Una “ricchezza” che perde però di smalto al confronto con l’Europa: nessuna regione italiana e’ in linea con alcuni obiettivi europei quali, per esempio, la copertura degli asili nido che dovrebbe essere del 33% (nella fascia di età 0-2 anni), ma arriva a stento al 26,5% in regione e siamo i capofila in Italia.

Chiedo ai nuovi eletti in Regione di partire proprio da questo aspetto: il contrasto a tutte le povertà. Prima che sulle opere chiedo di investire sulle persone.

PDF-Logo

 

Altante dell’Infanzia 2014 di Save The Children

Tempo di lettura 2 minuti

reggiane2

Oggi in consiglio abbiamo votato il progetto di riqualificazione delle ex reggiane e la costituzione della società pubblica per il risanamento dell’area.
Andiamo  avanti con il percorso di riqualificazione dell’area delle ex Officine Reggiane a Santa Croce e di realizzazione del Parco dell’innovazione, della conoscenza e della creatività all’interno dello storico comparto industriale ora dismesso (ci vorranno due anni).

Abbiamo votato anche l’ordine del giorno che ho presentato per predisporre le Reggiane a ospitare concerti, kermesse e eventi culturali nei padiglioni e nella piazza comune. 

In Italia ogni anno gli spettacoli dal vivo generano incassi per 794 milioni di euro, di cui il 61% solo nel nord Italia. Escluso il Palazzetto di Via Guasco, già peraltro molto usato per altri scopi, non abbiamo in città un’area attrezzata al coperto per ospitare eventi musicali di medio-grande portata.  L’area delle Reggiane grazie alla stazione dei treni, i nuovi 1000 parcheggi, l’apertura di nuove vie stradali e ciclopedonali ma anche proprio per il fascino legato alla sua storia fanno dell’area un polo privilegiato per ospitare eventi di portata medio-grande (da 2000 persone in su). Chiaro che il mercato è ristretto e in crisi e la piazza offre molte strutture (vedi le vicine Bologna e Milano) ma possiamo competere come realtà italiana caratterizzata per medi eventi per lavorare a una crescita anno per anno, facendoci un nome nella scena italiana. Abbiamo buone potenzialità nel far crescere i festival già esistenti ma c’è anche richiesta di operatori musicali per ospitare grandi artisti.
Un festival o un singolo concerto sono soldi per l’amministrazione (affitto aree) per le imprese (noleggio impianti e attrezzature), per i commercianti (shopping, alloggi e cene), ci guadagna tutta la comunità. Poi c’è il guadagno non materiale, più difficile da definire, cioè dell’ appeal culturale, quello che fa crescere il prestigio della Città.

Fornire aree attrezzate e snellire la burocrazia, come promesso stiamo lavorando in Comune allo sportello unico per il pubblico spettacolo, è solo una parte dell’opera, dobbiamo cambiare insieme la predisposizione dei reggiani agli eventi. Per essere la chiari, che la Città senta la musica come opportunità e non come un disturbo.

PDF-Logo ODG Musica alla Reggiane

1 2 3 4 6