Archivio tag: Diritti

LGBT, questione femminile, migranti, disabilità

Grazie a tutte quelle persone, omosessuali o eterosessuali, che nel presente nel proprio quotidiano non hanno problemi a esporsi e a rispondere a quelle forze della reazione e dell’oscurantismo che per fortuna stanno diventando sempre più residuali. Il 3 Giugno eravamo più di 10.000 persone in piazza per il gay pride ed è stata una grande giornata che ha visto molte persone, nella propria città, trovare gratificazione e riscatto sociale. Stiamo vivendo un passaggio storico che riguarda moltissime persone della nostra comunità e di tutta Italia. Il 2016 con l’approvazione della legge Cirinnà è stato il raggiungimento di un punto fermo per i diritti civili da cui non si tornerà più indietro ma da cui andremo solo in avanti.  Questa legge assicura quello che in alcune Costituzioni è scritto come il diritto alla felicità.

E non scordiamoci che tutto quello che stiamo facendo oggi per migliorare la società lo facciamo soprattutto per quelli che verranno dopo di noi. Io sono sicuro nella mia vita di avere un bambino ma non posso sapere se a un certo momento quel bambino mi dirà: “Papà io sono gay”. Allora io dirò a lui “Bimbo mio io ti voglio bene qualunque sia il tuo percorso e ti sarò spalla e scudo sempre”. Ma questo non basta, perché una persona non può essere felice solo all’interno delle quattro mura di casa e qui entrate in gioco tutti voi. Noi dobbiamo fare in modo che quel bambino abbia davvero assicurato il suo diritto alla felicità, nessuno è solo.

Il Pride ha aiutato tanti ragazzi e adulti a fare coming out in famiglia e al lavoro da una posizione di forza (tanti sono stati i messaggi arrivati a Arcigay). Oltre a questo si è creato un  terreno comune con molte associazioni, enti, sindacati e  movimenti sui temi della piattaforma del Pride come il matrimonio egualitario e la legge contro l’omotransfobia e a livello locale la creazione di una casa di accoglienza per persone LGBTI.

130 volontari sul campo, 39 amministrazioni e 74 associazioni aderenti, 13.000 persone in corteo, 20 iniziative pre Pride, 1 progetto universitario di ricerca, questi sono i numeri del REmilia Pride – Sì, lo vogliamo! il primo gay pride dei territori di Reggio Emilia, Modena, Parma, Piacenza e Mantova svoltosi a Reggio Emilia il 3 Giugno 2017. Questo è stato un evento voluto dalla città, grazie alle associazioni, commercianti e cittadini che sono stati con noi. Ammonta a oltre 29.404 euro il totale dei guadagni, mentre è di 2.460 euro l’utile ricavato a fronte del saldo complessivo delle spese, il cui importo è di 26.944 euro. I soldi rimanenti dal Pride saranno utilizzati da Arcigay Gioconda per le attività sul territorio, per attività nelle scuole, per la prevenzione e il supporto alle persone, a vantaggio di tutta la città. Aspettiamo tutti i volontari del Pride e tutti i cittadini che credono nei diritti civili alla grande festa per i volontari del Pride Venerdì 30 Giugno dalle 19.30 alla Gargotta del Popol Giost.

LEGGI IL BILANCIO DEL REMILIA PRIDE 

Il-bilancio-del-REmilia-Pride-2-683x1024

Copia-di-Il-bilancio-del-REmilia-Pride-2-683x1024

rifugiati-benvenuti-675

Sulla gestione dei richiedenti asilo è necessaria una presa di posizione e un ruolo maggiore del pubblico per offrire maggiori criteri di trasparenza e permettere che tutte le risorse pubbliche ministeriali siano impiegate per le persone.

Per il servizio di prima accoglienza di cittadini stranieri extracomunitari richiedenti la protezione internazionale sono presenti sul territorio di Reggio Emilia e Provincia quasi 1.400 beneficiari del Progetto Mare Nostrum sostenuto dal Fondo Europeo per i Rifugiati della Commissione Europea. Tutti i beneficiari del Progetto hanno effettuato il primo Screening Sanitario.  Tutti hanno effettuato il primo accesso presso Centro Salute della Famiglia Straniera.  Tutte le persone possiedono il tesserino sanitario PSU.

L’azienda ASP “REGGIO EMILIA – Città delle Persone è nata il 1° Gennaio 2016 e trae origine dalla unificazione delle Aziende pubbliche di servizi alla persona “RETE – Reggio Emilia Terza Età” e “O.S.E.A. – Opere di Servizi Educativi Assistenziali” , aziende che hanno risposto, nei secoli, ai bisogni sociali delle popolazioni reggiane, dall’ospitalità fornita ai pellegrini al ricovero dei mendicanti, all’assistenza ad anziani, disabili e minorenni. L’azienda è di proprietà al 96,9% del Comune di Reggio Emilia.

La finalità ASP “REGGIO EMILIA – Città delle Persone”  è l’organizzazione ed erogazione di servizi sociali, socio-sanitari, socio-educativi ed educativi rivolti a persone minorenni, a persone adulte in difficoltà, a persone con disabilità, a persone anziane, ed in particolare a quelle in stato di non autosufficienza fisica e/o psichica. Tutti gli interventi sono realizzati avendo a riferimento non solo le persone indicate ma anche le loro famiglie e i rispettivi contesti di vita e le loro comunità.

Considerato che il Comune ha ritenuto strategica la gestione pubblica dei servizi socio educativi e socio sanitari, tramite la costituzione della nuova ASP unificata; e che tra gli obiettivi dell’ASP c’è quello di migliorare, in integrazione con il Servizio Sociale, la gestione delle situazioni complesse riferite a minori in comunità educativa, oltre a quello del pieno utilizzo del personale e delle strutture della azienda. La nostra ASP non è estranea all’accoglienza dei rifugiati, sono già attivi progetti di ospitalità sui minori, per esempio.

Per il servizio di prima accoglienza di cittadini stranieri extracomunitari richiedenti la protezione internazionale sono presenti sul territorio di Reggio Emilia e Provincia oltre 1000 beneficiari del Progetto Mare Nostrum sostenuto dal Fondo Europeo per i Rifugiati della Commissione Europea. Tutti i beneficiari del Progetto hanno effettuato il primo Screening Sanitario.  Tutti hanno effettuato il primo accesso presso Centro Salute della Famiglia Straniera.  Tutte le persone possiedono il tesserino sanitario PSU.

Il ruolo dell’ASP potrebbe essere in compartecipazione e non in totale sostituzione al privato sociale, come avviene in altre città come Bologna e Ravenna, esercitando un ruolo di supporto per le attività non di prima ma di seconda accoglienza in particolare per gli aspetti dove è più preparata e può migliorare il servizio.

Oltre a questo avremo un soggetto pubblico all’interno della gestione che permetterà di realizzare un gestione più per le persone dei fondi pubblici e di migliorare la relazione tra prefettura e comune sul tema, per chi non lo sapesse per i programmi CAS la relazione è diretta tra Prefettura e ente gestore non come avviene per i programmi SPRAR che coinvolgono prefettura, comune e ente gestore.

 

dimora d'abramo

Vedendo la più che positiva crescita dei bilanci della cooperativa sociale Dimora d’Abramo, la capofila della rete di imprese private che gestiscono i richiedenti asilo sul nostro territorio, non capivo se i fondi pubblici assegnati (i famosi 35€ al giorno per persona) sono spesi interamente sui servizi per le persone oppure generano un utile.

Un utile di oltre 900mila euro (su un fatturato complessivo di 7,8 milioni), quintuplicato nel 2015 rispetto al 2014 (era di 170mila euro) grazie soprattutto alla gestione dei rifugiati, soldi che, a mio vedere, poco hanno a che vedere con una economia di gestione e che invece dovrebbero essere impiegati per le persone e non ad esempio per investimenti per oltre 50.000€ nella sanità privata (Centro 3C Salute).

Temi già sollevati pubblicamente dall’ex direttore e fondatore della cooperativa Giuliano Iotti più volte e dai sacerdoti don Daniele Simonazzi, don Eugenio Morlini e don Giuseppe Dossetti che in passato hanno mostrato perplessità verso la gestione.

Dopo un incontro in Prefettura ho capito che i resoconti di spesa per la gestione dei richiedenti asilo non vengono richiesti, ho così chiesto un incontro con la presidenza di Dimora d’Abramo ma a distanza di due settimane, dopo numerose chiamate e mail, ancora non ho ricevuto risposta se questo incontro, che ho chiesto come amministratore pubblico della comunità, ci sarà o no.  

Sono 1.400 persone gestite interamente da una rete temporanea di imprese (RTI) che fa capo a una cooperativa sociale che persegue fini di business. E’ come se l’intera comunità di Busana fosse gestita da un ente con fini di lucro pagato con fondi ministeriali, per intenderci.

Ho potuto vedere e apprezzare come lavorano i dipendenti di Dimora d’Abramo (percepiscono 1.100€ al mese con contratti precari e fanno turni massacranti) e conosco bene come si muove il Comune e l’associazionismo del territorio verso i richiedenti asilo,  a loro va il mio più grande ringraziamento per il lavoro costante e ottimo che svolgono. Così come le strutture e il mangiare dato ai richiedenti asilo è di buona qualità, sono però sicuro che potremmo utilizzare tutti i fondi pubblici per migliorare il benessere e i servizi per l’integrazione (avviamento al lavoro, corsi di italiano, attività sociali e culturali con il territorio) dei richiedenti asilo.

Con questo indirizzo Lunedì 10 Aprile presenterò in consiglio comunale un ordine del giorno in discussione di bilancio per indirizzare il Comune a occuparsi del tema. Chi pensa che la situazione sui richiedenti asilo ad oggi vada bene sarà contrario al documento, chi pensa invece che serva un maggiore indirizzo e controllo pubblico per garantire trasparenza e migliori servizi voterà invece a favore. Per me le persone verranno sempre prima del capitale.

PDF-Logo

 

LEGGI L’ORDINE DEL GIORNO PER LA GESTIONE DEI RICHIEDENTI ASILO 

7

“Abbiamo deciso di andare sulla luna. Abbiamo deciso di andare sulla luna in questo decennio e di impegnarci anche in altre imprese, non perché sono semplici, ma perché sono ardite, perché questo obiettivo ci permetterà di organizzare e di mettere alla prova il meglio delle nostre energie e delle nostre capacità, perché accettiamo di buon grado questa sfida, non abbiamo intenzione di rimandarla e siamo determinati a vincerla, insieme a tutte le altre.” (Tratto dal discorso sulla luna di J.F.K. Alla Rice University)

Anche noi abbiamo la nostra Luna.

La nostra luna è il matrimonio egualitario e diritti condivisi per tutti.
Non abbiamo intenzione di rimandare o di tirarci indietro in questa sfida.

E come in ogni famiglia, anche noi del Circolo Darwin chiediamo al Partito Democratico di Reggio Emilia e a tutto il centrosinistra di scendere in piazza con noi il 3 Giugno.

gay pride reggio emilia

REMILIA PRIDE: IL PRIMO GAY PRIDE DELLA CITTA’ DI REGGIO EMILIA.
SABATO 3 GIUGNO 2017 LA CITTÀ SI TINGE DI ARCOBALENO PER MANIFESTARE A FAVORE DEI MATRIMONI EGUALITARI.COME SARA’ IL PRIDE E PERCHE’ LO FACCIAMO.

 

Era uno degli obiettivi che mi ero dato con voi per la città, alzare l’asticella sul tema dei diritti civili con un gay pride qui a Reggio Emilia. Con i ragazzi e ragazze di Arcigay Gioconda ci stiamo lavorando da Novembre 2016 e finalmente siamo pronti.

Reggio Emilia si prepara a festeggiare il primo gay pride dell’area mediopadana: sabato 3 giugno le strade e le piazze reggiane si tingono di arcobaleno per il REmilia Pride, la manifestazione per l’orgoglio Lgbti, realizzata da Arcigay Gioconda in collaborazione con i comitati arcigay di Bologna, Parma, Piacenza, Modena e Mantova, con il patrocinio del Comune di Reggio Emilia.

Per la prima volta queste sei città scenderanno in piazza insieme per gridare forte e con orgoglio “Sì, lo vogliamo!” in nome dei matrimoni egualitari. Il prossimo 3 giugno sarà una grande festa, alla quale parteciperanno migliaia di persone, ma soprattutto un momento per ribadire la necessità di intraprendere un percorso giuridico e legislativo che porti all’estensione del matrimonio, con i suoi diritti e doveri, alle coppie omosessuali. Dopo l’approvazione della legge sulle unioni civili, che ha colmato uno spazio per troppo tempo lasciato vuoto, è necessario fare un passo in avanti come già accaduto in altri paesi come Inghilterra, Francia e Spagna, per garantire pari dignità a tutte le persone, nessuno escluso.

Quello di Reggio Emilia sarà il primo pride di tutto il Nord-Italia. Nato da un percorso intrapreso da un’ampia rete di associazioni, ciascuna con storie diverse alle spalle, REmilia Pride sarà un grande evento che coinvolgerà l’area mediopadana e la Regione Emilia-Romagna, anticipato da tante iniziative culturali e politiche in programma da marzo fino al corteo del 3 giugno.

unnamed (2)

La conferenza stampa di lancio del REmilia Pride

 

IL DOCUMENTO POLITICO - Reggio Emilia, città del Tricolore e della prima unione civile italiana, si fa portavoce del bisogno di diritti civili che oggi vede nell’Italia un paese di serie B, in Europa e nel mondo. Il Pride è una manifestazione di orgoglio e consapevolezza, una festa in cui ognuno nella propria identità si unisce agli altri per il bene di tutte le persone. Non importa se si è etero, gay, transgender, cattolici, laici, di sinistra, di destra, giovani o anziani: i diritti e la libertà valgono per chiunque.

Tutti insieme per un momento di festa, dunque, ma soprattutto per avanzare proposte politiche e fare ascoltare la propria voce, chiedendo maggiori diritti e tutele per le persone Lgbti, a cominciare dal matrimonio egualitario. Oltre a questa, la piattaforma rivendicativa – una sorta di road map utile a condividere, con le istituzioni, percorsi ed obbiettivi – rilancia a livello locale, regionale e nazionale, alcune delle battaglie storiche del movimento Lgbti, come l’aggiornamento della legge 164 per consentire il cambio anagrafico di nome e genere senza l’obbligo dell’intervento chirurgico, il rafforzamento delle azioni e dei progetti contro l’omotransfobia e il bisogno di una legge vera contro le discriminazioni per orientamento sessuale e di genere. LEGGI IL MANIFESTO DEL PRIDE

 

LA CAMPAGNA DI RACCOLTA FONDI – Per affrontare l’onere delle spese connesse all’organizzazione del REmilia Pride, è partita una campagna di raccolta fondi sulla piattaforma Eppela, utilizzando lo strumento del crowdfunding. Sarà possibile donare direttamente collegandosi all’indirizzo https://www.eppela.com/it/projects/12847-remilia-pride, devolvendo una quota, anche piccola, a sostegno dell’iniziativa. L’obiettivo è raggiungere il traguardo di 4.000 euro di donazioni in 40 giorni, per finanziare parte delle iniziative in programma sabato 3 giugno.

Non sarà solo uno strumento di raccolta fondi, ma anche un modo per fare conoscere la nostra attività e promuovere tutto il percorso intorno al gay pride. Contribuire è semplice: basta registrarsi sul sito www.eppela.com, inserendo nome, cognome ed email. A questo punto basta scegliere il progetto REmilia pPide, cliccare sul tasto  “Contribuisci” o selezionare direttamente una ricompensa fra quelle proposte.

 

IL 3 GIUGNO E GLI EVENTI DI ANTICIPAZIONE – Sabato 3 giugno un grande corteo arcobaleno, riunito sotto lo slogan “Sì, lo vogliamo!”, attraverserà le vie e le piazze di Reggio Emilia, dalla stazione centrale fino a piazza della Vittoria, dove arriverà la manifestazione. Qui sono in programma una serie di interventi e testimonianze legate al tema conduttore del REmilia Pride, il matrimonio egualitario: sul palco si alterneranno rappresentanti delle Famiglie arcobaleno, testimonial Lgbti, musicisti e molto altro ancora. La serata si chiuderà con una grande festa e un concerto. Tutta la piazza della Vittoria sarà allestita con bandiere arcobaleno e punti informativi a cura delle diverse associazioni che aderiscono a REmilia Pride: tra questi, uno spazio a cura di Uisp Reggio Emilia, stand informativi e un punto dove potere eseguire il test per l’Hiv, in collaborazione con Ausl Reggio Emilia.

Ma il corteo sarà solo la tappa finale di un calendario ricco di eventi, che comprende presentazioni, incontri, eventi culturali, ludici e conviviali da metà marzo fino al Remilia Pride. Tre mesi di preparazione al 3 giugno, durante i quali saranno toccati i vari ambiti di interesse per cui si batte il movimento Lgbti, tra cui i rapporto tra omosessualità e handicap, l’accesso al mondo del lavoro, le discriminazioni legate all’orientamento sessuale, la difficile questione dei migranti omosessuali.

Tanti saranno gli ospiti che si alterneranno in questi mesi, a cominciare dal giornalista e scrittore Piergiorgio Paterlini, ospite di una serata in programma il prossimo 24 marzo  alla Ghirba -Biosteria di via Roma, a Reggio Emilia. È poi in programma per il 20 maggio un pranzo con Monica Cirinnà e lo sceneggiatore e scrittore Ivan Cotroneo, mentre si svolgerà ad aprile il Drag Queen Bingo al Circolo Arci Pigal. Ci saranno spazi per i temi legati al rapporto tra omosessualità e handicap o al diritto al lavoro delle persone Lgbti: uno in particolare sarà dedicato alla questione dell’accoglienza ai migranti Lgbti, con la partecipazione di Giorgio Dell’Amico, referente nazionale Arcigay.

Il comitato promotore collabora già con: Comune di Reggio Emilia, Cassero Lgbti center di Bologna, Gruppo Jump, Polis, Agedo, Arci – Comitato territoriale di Reggio Emilia, Circolo Arci Fuori Orario, Cgil Reggio Emilia, Ausl Reggio Emilia, Farmacie Comunali Riunite, Ghirba-Biosteria della Gabella, Uisp, Circolo arci Kessel, Iniziativa laica, Ottavo colore, Arci lesbica, Amnesty international gruppo giovani Parma, NovaRES, Tutti i mondi Parma, Ostello della Ghiara, Circolo Arci Pigal, Coop Alleanza 3.0, Legacoop, Assicop – Unipol, Boorea.

Se volete darci una mano oltre alla donazione per le spese potete diventare volontari del Pride.
Stiamo facendo qualcosa di stupendo e abbiamo bisogno dell’impegno di tutti i progressisti.

Gay Pride_ Gazzetta di Reggio_10 Marzo 2017

 

credits-nonunadimeno-MLapini-611x407
Io sono felice di scioperare oggi 8 Marzo con mia madre, mia sorella e per la bambina che un giorno crescerò ma credo che l’odio verso le donne debba essere fermato nel nostro presente.

Io ti auguro e mi impegno perché tu non debba camminare per strada e dover fingere di stare al telefono, di poter percepire uno stipendio al pari dei colleghi maschi, di non essere vittima di stalking o nella grave semplicità delle cose, di essere solo vittima. Ti auguro assorbenti e anticoncezionali considerati dallo Stato come beni necessari, di essere tutelata nelle tue scelte mediche, qualunque esse siano. Ti auguro un mondo senza body shaming, senza dita puntate contro le parti del tuo corpo, senza dover cercare la perfezione nei giudizi altrui. Ti auguro di essere orgogliosa, fiera e di farti valere sempre. Perché purtroppo viviamo ancora in un paese in cui le donne vengono uccise per amore, licenziate per la maternità e sfruttate per ogni genere di cose.

Violenza verbale in televisione, sui giornali e nella pubblicità; violenza domestica che porta, solo in Italia, a 117 donne uccise nel 2016; disparità di condizioni lavorative e salariali; differenti diritti in campo sanitario; cultura populista e degradante che spesso vede la donna come corpo riproduttore e non essere indipendente. Non lontano da noi ma in un Paese come l’Italia in cui la parità di genere è articolo costituzionale (art. 3 e art. 51).

Le parole delle colleghe di Btwofactory e dell’amica Chiara Ugosetti sono per me quelle più giuste per questo 8 marzo. Ci riconosciamo nella resistenza delle donne e degli uomini che oggi vogliono difendersi da una cultura di genere per la libertà e l’autodeterminazione di tutti. Se siete di Reggio Emilia vi aspetto oggi pomeriggio alle 17.30 in Piazza Martiri del 7 Luglio per la manifestazione di Non Una Di Meno – Reggio Emilia.

1 2 3 13