CIRCOLO DARWIN – L'evoluzione della politica

 
 
darwin
Venerdì 13 Marzo inaugura il Circolo Darwin con Dino Amenduni di Proforma, classe 1984, l’uomo delle campagne di Renzi e Vendola per intenderci. Sarà intervistato da Diego Oneda di Prima Pagina Reggio, parleremo con lui di comunicazione, l’innovazione e politica.
Il Dawin nasce dall’esigenza di fare elaborazione politica. Con altri iscritti PD e non sentiamo l’esigenza di concentrarci con oggettività e merito su proposte nazionali e locali fuori dalle faziosità e dai cerimoniali.
Serve un luogo aperto e vivo che supera le divisioni interne e esterne ai partiti, nel quale tutti possono esprimersi e contribuire, valorizzando di volta in volta le singole competenze, capacità e caratteristiche per elaborazione politica e culturale per il centrosinistra e Reggio Emilia. Si lavora per obiettivi a scadenza in gruppi di lavoro, non si ha per scelta una sede perché si gira sul territorio dove si è ospitati, per partecipare ai lavori è richiesta una tessera, quella dell’associazione di politica Darwin. Si usano social e web per far conoscere e promuovere quello che si realizza in uno scambio e confronto diretto.
Dalle 19.30 aperitivo con presentazione del Circolo, alle 21.15 inizio evento con Dino Amenduni. Saremo ospitati dal Circolo Il Locomotore di Viale Eritrea (zona stazione).
Qui trovate tutte l’evento FB con tutte le informazioni.


 

Ripartire dalle povertà/2

Oggi sulla Gazzetta di Reggio parlo delle nuove povertà. Il dato di Save the Children è allarmante: in Emilia Romagna abbiamo 65.000 bambini che vivono in povertà assoluta, in Italia sono 1,4 milioni. Chiedo ai nuovi consiglieri regionali di attivarsi nel contrasto a tutte le povertà, prima che sulle opere chiedo di investire sulle persone.
Gazzetta di Reggio, 5 Gennaio 2015 Povertà Save the Children

Ripartire dalle povertà

save the children
Il 17,7% degli abitanti dell’Emilia Romagna sono a rischio povertà.
Save the Children nel rapporto “Atlante dell’infanzia” scrive di 65 mila bambini e adolescenti nella nostra regione, il 9,5% del totale degli under 18, che vive in regime di povertà assoluta. Povertà non solo materiale ma anche culturale, 1 bambino su 3 ad esempio non ha letto un libro nell’anno.
L’Emilia Romagna è tra le più “ricche” di servizi e opportunità educative per bambini e adolescenti. Una “ricchezza” che perde però di smalto al confronto con l’Europa: nessuna regione italiana e’ in linea con alcuni obiettivi europei quali, per esempio, la copertura degli asili nido che dovrebbe essere del 33% (nella fascia di età 0-2 anni), ma arriva a stento al 26,5% in regione e siamo i capofila in Italia.

Chiedo ai nuovi eletti in Regione di partire proprio da questo aspetto: il contrasto a tutte le povertà. Prima che sulle opere chiedo di investire sulle persone.

PDF-Logo
 
Altante dell’Infanzia 2014 di Save The Children