Archivio tag: Reggio Emilia

Città, territorio, quartieri, smart city

Tempo di lettura 8 minuti

Trasparenza: il report di lavoro 2018 in Comune a Reggio Emilia

Le presenze, il compenso, i documenti presentati in Consiglio Comunale a Reggio Emilia nel 2018. Un impegno importante quello della trasparenza, al quale non mi sottraggo mai.Da domani potrete scaricare il report di mandato su www.darioreggio.it#reggioemilia #consigliocomunale #trasparenza

Pubblicato da Dario De Lucia su Sabato 5 gennaio 2019

Le presenze, il compenso, i documenti presentati in Consiglio Comunale a Reggio Emilia nel 2018. Un impegno sincero e importante quello della trasparenza, al quale non mi sottraggo mai.

In questo anno ho presentato più di 40 documenti in Comune a Reggio Emilia, ho lavorato ad un’iniziativa di approfondimento politico e culturale al mese e ho incontrato circa 5 cittadini alla settimana. Ho cercato di bilanciare il mio impegno verso le piccole (ma importanti) segnalazioni dei quartieri, senza rinunciare ad occuparmi dei temi che riguardano Reggio Emilia nel contesto italiano e europeo. I temi di cui mi sono occupato maggiormente sono il lavoro e i diritti (civili, umani e sociali). 

PRESENZE

Nel 2018 ho partecipato a 26 sedute di consiglio su 28.
Le due assenze sono giustificate perchè una volta mi trovavo a Napoli al congresso NIDIL CGIL a intervenire in rappresentanza dei lavoratori precari di Reggio Emilia e durante l’altra seduta ero all’estero a presentare il mio libro.

COMPENSI

Vi rendo noto anche il mio compenso da consigliere comunale che è il risultato delle presenze alle sedute in consiglio (76,5€) e  delle commissioni di lavoro (60,3€) : sono 4.071,60€ lordi che pagate le tasse (936,47€) e il contributo volontario al PD (307,64€ il 10%della indennità maturata) diventano, netti, 2.827,49€. Sono quindi 235,62€ al mese.

Di questi soldi un’ingente somma viene donata alle associazioni e ai  progetti del territorio (molti consiglieri lo fanno): io ,ad esempio, ho sostenuto l’Emporio Solidale Dora e altre associazioni che si occupano della lotta alla povertà a Reggio Emilia, il canile di Reggio Emiliadiverse scuole elementari del territorio e Times 4 Life per i progetti di aiuto ai profughi siriani.

Qui trovate il cedolino di retribuzione 2018 del Comune di Reggio Emilia.

Il 3 Giugno 2017 abbiamo realizzato il REmilia Pride, il primo gay pride della città di Reggio Emilia. Eravamo 10.000 persone, è stata una giornata e dei mesi bellissimi.
Qui trovate il bilancio del REmilia Pride. 

LAVORO

  1. ARREDI DI PARCO DEL GELSO
  2. SISTEMAZIONE DEL PARCO DEL MIGLIOLUNGO
  3. ILLUMINAZIONE SU VIA FONTE ACQUA CHIARA (PARCO DELLE ACQUE CHIARE)
  4. ORDINE DEL GIORNO AL BILANCIO PER LA RIQUALIFICA DELLA CASA PARTIGIANA MANFREDI DI VILLA SESSO
  5. SUPPORTO ALLA LEGGE EUROPEA “WELCOMING EUROPE. PER UN’EUROPA CHE ACCOGLIE”
  6. SICUREZZA DEI BAMBINI IN ENTRATA E USCITA DALLA SCUOLA SANT’AGOSTINO IN VIA REVERBERI
  7. NESSUNO SPAZI AD ASSOCIAZIONI E GRUPPI ANTIFASCISTI. PER REGOLARE GLI SPAZI, PATROCINI E CONTRIBUTI RILASCIATI DAL COMUNE DI REGGIO EMILIA IN CONFORMITA’ ALLA COSTITUZIONE ANTIFASCISTA.
  8. IL COMUNE DI REGGIO EMILIA A SOSTEGNO E SUPPORTO AL MANTOVA PRIDE DEL 16 GIUGNO 2018
  9. PER L’APPROVAZIONE DI UNA LEGGE SULL’OMOTRANSNEGATIVITA’ REGIONALE
  10. LO STATO DEI LAVORI PER LA PARTECIPAZIONE DEL COMUNE, TRAMITE ASP, AI BANDI DELLA PREFETTURA PER LA GESTIONE DEI RICHIEDENTI ASILO.
  11. PER L’APPROVAZIONE DI UNA CARTA DEI DIRITTI DEI LAVORATORI CICLOFATTORINI “RIDER” A REGGIO EMILIA E IN EMILIA ROMAGNA
  12. PER TENERE LE AZIONI DI BANCA ETICA NEL PATRIMONIO DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA
  13. A SUPPORTO DI REGGIO EMILIA CITTA’ UNIVERSITARIA
  14. CONTRO LE REPRESSIONI DELL’ESERCITO ISRAELIANO AI DANNI DEI CIVILI IN PALESTINA
  15. CONTRO LA DEMOLIZIONE DELLA SCUOLA DI GOMME DELL’ONG VENTO DI TERRA IN PALESTINA
  16. PER LA REALIZZAZIONE DI UN LABORATORIO DI TRASFORMAZIONE ALIMENTARE A SOSTEGNO DELLE MICROIMPRESE AGROALIMENTARI A REGGIO EMILIA
  17. ADESIONE ALLA MANIFESTAZIONE EUROPEA “13 10” CONTRO IL NAZIONALISMO PER UN’EUROPA UNITA E PER L’ATTIVAZIONE DI PERCORSI DI EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA GLOBALE
  18. SUPPORTO ALLA LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE ANCI PER L’EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA COME MATERIA SCOLASTICA
  19. PER GARANTIRE LE PRESTAZIONI E LA DISTRIBUZIONE GRATUITA DEI CONTRACCETTIVI NEI CONSULTORI DI REGGIO EMILIA
  20. DINIEGO DI REGGIO EMILIA AL DECRETO LEGGE SALVINI IN MATERIA DI GESTIONE DELL’IMMIGRAZIONE
  21. PER AUMENTARE I SERVIZI E FONDI PER DARE RIPARO E ACCOGLIENZA ALLE PERSONE SENZA FISSA DIMORA
  22. SULL’USO E LA VALORIZZAZIONE DELLA SINAGOGA DI REGGIO EMILIA
  23. Stazione: stato lavori e investimenti di mandato nella zona stazione.
  24. Villa Fogliano: lavori svolti nel mandato nella frazione e nuovi investimenti.
  25. Interrogazione sui lavori nel quartiere di Villa Sesso
  26. Interrogazione sui lavori nel quartiere di Ospizio
  27. San Prospero: investimenti e lavori sul quartiere periodo 2014-2018
  28. Interrogazione sui lavori nel quartiere del Centro Storico
  29. IL COMUNE NON VUOLE LE RONDE NEOFASCISTE SUL TERRITOIO REGGIANO
  30. Presenze e lavori della Lega in consiglio comunale (i più assenteisti)
  31. Interrogazione sui lavori nel quartiere di Rosta Nuova
  32. Azioni e risultati sul recupero fiscale attuato dal Comune di Reggio Emilia
  33. Interrogazione sui lavori nel quartiere di Regina Pacis
  34. Gardenia: stato lavori nel quartiere.
  35. Vibrazioni della ferrovia sul quartiere San Prospero Strinati.

Casa Manfredi diventa del Comune

Casa Manfredi, la casa partigiana di Villa Sesso, frazione di Reggio Emilia, luogo di importanti battaglie partigiane diventa del Comune. Il consiglio comunale ha votato l'ascquisto, che sarà a costo zero. Con Istoreco, verranno fatti interventi di riqualificazione storica per raccontare la sua storia.

Pubblicato da Dario De Lucia su Martedì 27 novembre 2018

Casa Manfredi, la casa partigiana di Villa Sesso, frazione di Reggio Emilia, luogo di importanti battaglie partigiane diventa del Comune. Il consiglio comunale ha votato l’ascquisizione a costo nel patrimonio comunale. Con Istoreco, verranno fatti interventi di riqualificazione storica per raccontare la sua storia. 

DOCUMENTI DEPOSITATI NEL 2018 CHE DISCUTEREMO NEL 2019

  1. RIFACIMENTO DELLE LINEE DEI PARCHEGGI DI VIA LARGO DEGLI ALPINI
  2. STATO DELLA COPERTURA VACCINALE NELLE SCUOLE REGGIANE, CONTRASTO ALLA DISINFORMAZIONE NO VAX
  3. SITUAZIONE PIANO FREDDO, PIU’ AIUTI AI SENZATETTO E ALLE ASSOCIAZIONI 
  4. CONTRASTO A CHI VEDE L’OMOSESSUALITA’ COME UNA MALATTIA,  I CORSI DI RIEDUCAZIONE AGLI OMOSESSUALI DI COURAGE A REGGIO EMILIA
  5. Stato dei lavori per dare la possibilità ai volontari reggiani di dare ospitalità ai richiedenti asilo in casa di volontari reggiani come avviene a Bologna e Milano. 
  6. Sicurezza dei nostri anziani e tutela della qualità dei servizi di assistenza dopo il Casa Coopelios di Correggio.

Il racconto del viaggio umanitario che ho fatto nel 2018 per aiutare i bambini profughi siriani che ho fatto a Kilis sul confine turco-siriano, grazie alla solidarietà dei reggiani abbiamo portato quintali di vestiti, cibo e giocattoli . Il bambino della foto si chiama Mufid, io e Federica lo abbiamo adottato a distanza. 

INIZIATIVE SUL TERRITORIO

Contemporaneamente all’azione in Consiglio Comunale ho lavorato con associazioni, comitati e, in modo particolare, con  il Circolo Darwin, il circolo del PD a cui sono iscritto, e  con il Circolo Arci Gardenia, il circolo arci nel quartiere Gardenia che negli anni abbiamo rigenerato.
Qui l’elenco delle iniziative proposte alla città nel 2018:

————————–
Vi propongo già due iniziative a Gennaio 2019.

———————

 

Il libro DAL PCI AL PD

 

Poi c’è il libro DAL PCI AL PD. Mai mi sarei aspettato di vendere oltre 1.000 copie e fare oltre 40 presentazioni tra Italia e Europa (sono andato a Bruxelles, Parigi, Berlino, Amsterdam, Wolfsburg, Lussemburgo). Il libro tratta di come migliorare l’organizzazione del PD e la partecipazione alla politica ovvero di come possiamo dare rappresentanza alle persone, alle associazioni e ai corpi intermedi partendo dal livello micro, la realtà locale, fino al livello nazionale.

 

“Dal PCI al PD” infatti non vuole essere un elaborato chiuso, ma uno stimolo per confrontarsi sulla migliore organizzazione e sulla migliore politica, rivolto non solo al Partito democratico, ma a tutto il centrosinistra. Possiamo sentirci tramite la pagina facebook o direttamente per mail a deluciadario@gmail.com per chi volesse offrire spunti, note o riflessioni sui temi proposti.

Qui di seguito alcune immagini dei dibatti tra Italia e Europa.

Questo è tutto ma… non è ancora finita!

Il nostro mandato scadrà ufficialmente domenica 26 maggio 2019, giornata in cui anche Reggio Emilia tornerà alle urne. Non vi nascondo che saranno elezioni dure e impegnative, le più importanti forse da 70 anni a questa parte per la nostra città. Non per la reale capacità dei nostri avversari locali ma per il trend politico nazionale negativo che pesa anche sulle amministrazioni locali. Per intenderci i reati sono in calo, la ripresa economica c’è stata, Reggio Emilia è l’11esima città per qualità della vita e i conti del Comune sono in ordine tanto che abbiamo ridotto il debito pubblico del territorio.  Ma questo non basta, i dati sono nulli di fronte al senso di insicurezza e la disgregazione sociale che ha trovato nell’odio verso il diverso la benzina della macchina populista. Per questo serve l’impegno di tutte le persone di buon cuore, vi esorto perciò a mettere da parte le reticenze e a impegnarvi ora più che mai per una Reggio Emilia progressita, laica, accogliente e antifascista.

Dal Comune e dal Partito mi hanno chiesto a più voci e più volte di riconfermare un impegno per un secondo mandato. Non mi è calata la voglia o l’energia ma sto valutando l’opportunità su due fronti: il primo è quello del programma e dell’agenda politica.
Sui temi del lavoro e appalti di servizi,  lotta alla povertà e integrazione delle persone ci sono dei passaggi che devono essere risolti con coraggio e convinzione. Non ho intenzione di candidarmi per fare la bandiera dei progressisti senza la possibilità di incidere, devo avere le conferme che smuoveremo il modello Reggio con coraggio.

Poi c’è una questione personale, fare il consigliere comunale mi ha sempre occupato un tempo giornaliero variabile tra le 2 e le 4 ore. A 24 anni quando ho iniziato questa avventura in Comune il lavoro e le responsabilità erano minori rispetto ad ora che ne ho 30. Tra le tante nuove responsabilità e sfide c’è sicuramente quella di essere stato eletto Tesoriere di Istoreco, l’istituto per la storia del 900 e della resistenza a Reggio Emilia, incarico che svolgo con i criteri di efficacia e efficienza appresi nel lavoro nella pubblica amministrazione.  Sono contento di avere più lavoro e responsabilità ma devo valutare bene, anche nel rispetto della mia compagna Federica che merita giustamente tempo e amore, come gestire al meglio il tutto.

Sia chiaro che anche senza una mia ricandidatura diretta il mio impegno, da cittadino e militante nel centrosinistra e a supporto al sindaco Luca Vecchi non verrà meno, anche perchè, ripeto, c’è bisogno di tutti più che mai a questo giro.

Per la candidautra non mancherò di chiedervi una mano sia per la stesura del programma sia per la campagna elettorale: vi dico subito che se balliamo, balleremo forte anzi fortissimo.

https://www.facebook.com/dariodeluciareggioemilia/videos/270293986965059/

Un momento delle letture che con l’amico Alberto Nicolini, Presidente Arcigay, proponiamo nelle biblioteche (qui eravamo a Rosta Nuova). Questi libri sono censurati in alcuni comuni italiani perchè ritenuti devianti e “omosessualisti”, perchè insegnano il rispetto delle diversità e ad accettare le differenze di genere (tutte le amministrazioni che censurano sono governate dalla Lega o dalla ultra destra) ma che in realtà sono libri letti da sempre.  Sfido chiunque a non aver letto o sentito leggere i libri di Leo Lionni come “Piccolo blu e piccolo giallo” e “Pezzettino” oppure “Piccolo Uovo” di Francesca Pardi o “Dov’è la mia mamma” di Julia Donaldson.

Intanto ci tengo a ringraziare tutte le persone che in questi anni mi hanno aiutato e supportato, senza di voi molte delle azioni scritte qui non sarebbero mai diventate realtà.

Grazie Adriano, Francesca, Santino, Anna, Daniele, Max, Marinita, Federica, Roberto, Antonella, Andrea Bartolomeo, Andrea, Ivan, Nicola, Arturo, Federico, Simone, Enrico, Alberto, Stefano, Leo, Guido, Simone, Sara, Aymar, Luca, Grazia, Anna, Valerio, Giovanni, Daniele, Elena, Cristina, Raul, Marina, Mara, Rino, Irma, Stefano, Gianni, Simona, Flavio, Jukka, Roberto, Lina, Sorana, Valerio, Danila, Amabile, Giampiero, Marco, William, Paola, Barbara, Chiara, Matteo, Luca, Enrico, Marta, Silvano, Salvatore, Andrea, Alessandra, Francesca, Jennifer, Pietro, Noemi, Vincenzo, Maria, Daniela, Evaristo, Massimo, Alessandro, Giuseppe, Layla, Paolo, Alex, Adriano, Gemma, Luca, Alice……

Come sempre do la mia massima disponibilità a interagire a rispondere a tutti su tutte le questioni che ci stanno a cuore, possiamo farlo qui sul sito, sulla pagina facebook o perché no, davanti a un caffè.

Se avete piacere e tempo Martedì 15 Gennaio con l’amico Alberto Nicolini, Presidente Arcigay Reggio Emilia, sarò alla Biblioteca Comunale di Poviglio alle 16,30 a leggere ai bambini le letture contro le discriminazioni e differenze di genere. 

Invece Venerdì 1 Febbraio alle 17.30 sarò il moderatore dell’iniziativa di Istoreco alla Biblioteca Panizzi dove presenteremo il libro di Stefano Catone “Dizionario #Antifa”. Il libro è un vocabolario anti, che non vuole dire contro, ma piuttosto un vocabolario antidoto a un veleno, o ai tanti veleni: il fascismo, il razzismo, il sessismo, la violenza tout court.

Tempo di lettura 2 minuti

Cari e care,

Non solo dei classici  auguri di Natale ma anche un supporto a iniziative lodevoli del nostro territorio e internazionali, oltre a un invito a pranzo.

Dobbiamo avere il coraggio di dire che non c’è festa se sotto l’albero non portiamo i doni della giustizia sociale, della tutela dei diritti dei più deboli.

Che il 2019 sia un anno felice, di conquiste e di vittorie, un anno di riscatto per noi stessi, per la nostra città, il nostro paese e l’universo mondo. Ma si sappia che tutto ciò non dipende da caso o speranza, tutto ciò dipende da noi, da quanto siamo disposti a metterci in gioco e ad investire tempo in ciò che facciamo e che sappiamo essere giusto.  Durante le feste realizzerò come sempre il report di mandato 2018 che troverete sempre qui sul sito www.darioreggio.it

marx_O.jpg

Mufid è il neonato profugo siriano che io e Federica abbiamo adottato a distanza dopo il viaggio umanitario al confine turco-siriano questa estate. Qui lo potete vedere bello, felice e in salute con gli aiuti che ogni mese con l’associazione Time4life International, bastano 30€ per assicurare tutti i pasti per un mese intero a lui e alla sua famiglia.


“A casa loro”, il mantra che sentiamo da anni cozza contro la realtà della cose, ora più che mai è importante aiutare, conoscere e far conoscere le situazioni difficili da cui provengono i migranti.

Torneremo ancora sul confine siriano, se anche voi volete fare questo viaggio umanitario o contribuire ai pacchi alimentari per i bambini siriani potete contattare Time4Life tramite il sito www.time4life.it Se volete maggiori informazioni sulle attività e sentire una testimonianza diretta mi rendo disponibile, potete scrivere a questa mail deluciadario@gmail.com o contattarmi direttamente al telefono al 3384623474

FB_IMG_1545324949649.jpg

Spostiamoci invece a Reggio Emilia. Riccardo Benetti, titolare della Casa del Miele, ha deciso di aiutare l’emporio solidale cittadino DORA creando una tavoletta di cioccolato con il 60% di cacao fondente. Il ricavato delle vendite di queste tavolette verrà devoluto all’emporio solidale che aiuta le famiglie reggiane in difficoltà.  Dora è una storia di famiglie, di genitori e figli che vengono a fare la spesa insieme. E così sarà con le nostre due tavolette, Dora e Stradora, la mamma e la figlia. Dora è la tavoletta madre da 100 grammi e costa 3 euro, Stradora è il bimbo da 25 grammi e 2 euro di costo. Al percorso partecipano anche il Conad Le Querce ed altri Conad reggiani. La tavoletta, infatti, sarà in vendita dal 29 settembre sino al periodo delle feste natalizie in quattro sedi:

  • nel negozio della Casa del Miele in via Broletto 1, nel cuore del centro storico reggiano
  • al Conad Le Querce in via Clementi 20 (zona Acquedotto)
  • al Conad Il Colle di Albinea, in via XXV Aprile
  • al bar Stazione in viale Trento Trieste 11, alla stazione di Santo Stefano a fianco della sede dell’emporio e di DarVoce.
dora emporio solidale.jpg

Infine siamo lieti di invitarvi al Circolo Arci Gardenia  alla tortellata popolare di Santo Stefano. Il menù prevede: antipasti, tortelli a volontà, di 3 tipi, fatti a mano dai soci e socie del circolo, acqua e frutta. Il tutto a 10€.


Il ricavato del pranzo sarà devoluto agli amici di Dora – Emporio Solidale, che aiuta le famiglie reggiane in difficoltà.  A seguire una sorpresa letteraria natalizia e la classica tombolata con premi per tutti.

Appuntamento per mercoledi 26 dicembre alle ore 12.30 al Circolo Arci Gardenia in via Regina Elena 14 (dietro la farmacia).  Vi chiediamo di prenotarvi al bar del circolo allo 0522-512901 oppure passate a trovarci, siamo aperti tutti i giorni dalle 14.30 alle 00.00  

181218_Pranzo-26-dic-banner-02.jpg

Un caro abbraccio a voi e alle vostre famiglie, 

 

Dario De Lucia
Consigliere Comunale Reggio Emilia 

 

Tempo di lettura 2 minuti

Con piacere abbiamo risposto all’appello della Biblioteca comunale di Poviglio, 
dopo la lettura a Rosta Nuova, Martedì 15 Gennaio alle 16,30 con il compagno di mille avventure Alberto Nicolini, Presidente Arcigay Gioconda, torneremo a leggere i libri per bambini censurati in alcuni comuni italiani perchè ritenuti devianti (tutte le amministrazioni che censurano sono governati dalla Lega o dalla ultra destra) ma che in realtà sono i libri da sempre letti.  Sfido chiunque a non aver letto o sentito leggere i libri di Leo Lionni. 

Ecco alcuni “pericolosi” libri che libereremo insieme:

«Piccolo blu e piccolo giallo», di Leo Lionni
«Pezzettino», di Leo Lionni
«Piccolo uovo», di Francesca Pardi
«Dov’è la mia mamma?» di Julia Donaldson – Axel Scheffler
«Forte come un orso», di Katrin Stangl
«Sono io il più bello» di Mario Ramos
«E con Tango siamo in tre», di Peter Pannel
«A piede libero», di Mirco Zilio
«Beniamino», Lynne Richards
«Dov’è il mio papà?», di Ji-Yum Shin

L’AIB (Associazione Italiana Biblioteche) ha denunciato più volte le censure di libri per bambini che diversi comuni in Italia hanno operato nelle biblioteche, dichiarando che difende con fermezza le scelte professionali dei colleghi. I bibliotecari, nel quotidiano esercizio della loro professione, sono tenuti a rispettare i principi contenuti nel Manifesto IFLA/Unesco per le biblioteche pubbliche, nel quale viene affermato, in modo perentorio ed inequivocabile, che le raccolte di ogni biblioteca devono riflettere gli orientamenti attuali e l’evoluzione della società e non possono essere soggette ‘ad alcun tipo di censura ideologica, politica o religiosa’, poiché è dall’accesso libero e senza limitazioni al pensiero e alle opinioni più diverse – anche se contrastanti con la nostra visione del mondo – che dipendono la partecipazione dei cittadini alla vita civile e politica. La biblioteca pubblica documenta le idee, lasciando al lettore la responsabilità di formarsi un’opinione. Ogni pretesa di discriminare a priori costituisce una limitazione della libertà di scelta e lascia trasparire l’idea che i cittadini debbano essere sottoposti a una tutela non richiesta e probabilmente nemmeno desiderata.

Tempo di lettura 1 minuto
“Nell’oscuro Regno di Todi c’è un mostro antico e cattivo quanto il mondo: la censura dei libri! Ma possiamo sconfiggerlo insieme questo mostro bambini, mamme, papà, nonne e nonni, leggendo insieme questi “pericolosi” libri liberandoli dal maleficio del mostro di Todi!!”
Dario e Alberto prima di partire per Todi per liberare i libri imprigionati dal mostro.

 
Con Alberto Nicolini, presidente Arcigay Gioconda, leggeremo i libri censurati nell’oscuro Regno di Todi Giovedì 22 Novembre dalle 16,45 alla Biblioteca Rosta Nuova (Via Wybicki 27 – Reggio Emilia), letture in sostegno alla coraggiosa bibliotecaria Fabiola Bernardini che si è opposta alla censura dei libri per bambini a Todi. Noi stiamo con fabiola

Partecipa all’evento e spargi la voce contro la censura dei libri!

 
Ecco alcuni libri che libereremo insieme:
«Piccolo blu e piccolo giallo», di Leo Lionni
«Piccolo uovo», di Francesca Pardi
«Dov’è la mia mamma?» di Julia Donaldson – Axel Scheffler
«Forte come un orso», di Katrin Stangl
«Sono io il più bello» di Mario Ramos
 
 
——————-
Biblioteca Comunale Rosta Nuova
Via Wybicki 27 – Reggio Emilia
Giovedì 22 Novembre – Ore 16,45
Tempo di lettura 1 minuto

Martedì 13 Novembre alle 21.00 al Circolo Arci Gardenia (Viale Regina Elena 14 a Reggio Emilia) il Circolo di cultura politica Darwin ha il piacere di invitarvi alla presentazione del nuovo numero di Limes, la più importante e antica rivista di geopolitica in Italia, dal titolo ISREALE, LO STATO DEGLI EBREI.

 

Dalla presentazione del volume: “Ci sono voluti settant’anni a Israele per dirsi la verità su sé stesso. A tale venerabile età s’è finalmente riconosciuto «Stato nazionale del popolo ebraico», via omonima legge fondamentale varata dalla Knesset lo scorso 19 luglio. Trionfo dell’ovvio? Nient’affatto. Non c’è nulla di meno scontato dell’evidente.”

Con il varo della legge fondamentale del 19 luglio, il parlamento israeliano (Knesset) ha sciolto in punta di diritto un nodo identitario quanto geopolitico essenziale: Israele, quale Stato nazionale, è del popolo ebraico.

Da tale fatto prenderà piede l’analisi di Davide Assael dell’Associazione LechLechà e curatore dell’ultimo numero di Limes. Insieme a lui, Matthias Durchfeld, direttore di Istoreco e curatore dei Viaggi della Memoria e il Beniamino Goldstein, il Rabbino della Comunità di Modena e Reggio Emilia. La serata sarà coordinata da Gabriele Manici (operatore sociale per il Comune di Reggio Emilia). Si cercherà di fare chiarezza su questo punto della storia israeliana e -soprattutto- sulle possibili ripercussioni future.

1 2 3 40